NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Politica dei Cookie

POLITICA DEI COOKIE DI QUESTO SITO IN OTTEMPERANZA ALLA DIRETTIVA DEL GARANTE DELLA PRIVACY.

Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.

A tale proposito se  hai bisogno di ulteriori informazioni o se hai domande sulla politica della privacy di questo sito ti preghiamo di contattarci via email all'indirizzo info@ryujokan.it

In questa pagina sono descritte le modalità con cui le informazioni personali vengono ricevute e raccolte e come sono utilizzate da www.tenshin.it. A questo scopo si usano i cookie vale a dire dei file testuali per agevolare la navigazione dell'utente.

Legge sui cookie

CHE COSA SONO I COOKIE?

I cookie sono dei file di testo che i siti visitati inviano al browser dell'utente e che vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi al sito alla visita successiva.

A COSA SERVONO I COOKIE? 

I cookie possono essere usati per monitorare le sessioni, per autenticare un utente in modo che possa accedere a un sito senza digitare ogni volta nome e password e per memorizzare le sue preferenze.

COSA SONO I COOKIE TECNICI?

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente. I cookie tecnici sono essenziali per esempio per accedere a Google o a Facebook senza doversi loggare a tutte le sessioni. Lo sono anche in operazioni molto delicate quali quelle della home banking o del pagamento tramite carta di credito o per mezzo di altri sistemi.

I COOKIE ANALYTICS SONO COOKIE TECNICI? 

In altri termini i cookie che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio Statistiche di Blogger o similari sono cookie tecnici?. Il Garante ha affermato che questi cookie possono essere ritenuti tecnici solo se "utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookie analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookie tecnici."

CHE COSA SONO I COOKIE DI PROFILAZIONE?

Sono cokie utilizzati per tracciare la navigazione dell'utente per creare profili sui suoi gusti, sulle sue preferenze, sui suoi interessi e anche sulle sue ricerche. Vi sarà certamente capitato di vedere dei banner pubblicitari relativi a un prodotto che poco prima avete cercato su internet. La ragione sta proprio nella profilazione dei vostri interessi e i server indirizzati opportunamente dai cookie vi hanno mostrato gli annunci ritenuti più pertinenti.

È NECESSARIO IL CONSENSO DELL'UTENTE PER L'INSTALLAZIONE DEI COOKIE SUL SUO TERMINALE?

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun consenso mentre i cookie di profilazione possono essere installati nel terminale dell'utente solo dopo che quest'ultimo abbia dato il consenso e dopo essere stato informato in modo semplificato.

IN CHE MODO GLI WEBMASTER POSSONO RICHIEDERE IL CONSENSO?

Il Garante per la Privacy ha stabilito che  nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner contenente una informativa breve, la richiesta del consenso e un link per l'informativa più estesa come quella visibile in questa pagina su che cosa siano i cookie di profilazione e sull'uso che ne viene fatto nel sito in oggetto.

IN CHE MODO DEVE ESSERE REALIZZATO IL BANNER?

Il banner deve essere concepito da nascondere una parte del contenuto della pagina e specificare che il sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti. Il banner deve poter essere eliminato solo con una azione attiva da parte dell'utente come potrebbe essere un click.

CHE INDICAZIONI DEVE CONTENERE IL BANNER? 

Il banner deve contenere l'informativa breve, il link alla informativa estesa e il bottone per dare il consenso all'utilizzo dei cookie di profilazione.
COME TENERE DOCUMENTAZIONE DEL CONSENSO ALL'USO DEI COOKIE?

È consentito che venga usato un cookie tecnico che tenga conto del consenso dell'utente in modo che questi non abbia a dover nuovamente esprimere il consenso in una visita successiva al sito.

IL CONSENSO ALL'USO DEI COOKIE SI PUÒ AVERE SOLO CON IL BANNER?

No. Si possono usare altri sistemi purché il sistema individuato abbia gli stessi requisiti. L'uso del banner non è necessario per i siti che utilizzano solo cookie tecnici.

CHE COSA SI DEVE INSERIRE NELLA PAGINA INFORMATIVA PIÙ ESTESA?

Si devono illustrare le caratteristiche dei cookie installati anche da terze parti. Si devono altresì indicare all'utente le modalità con cui navigare nel sito senza che vengano tracciate le sue preferenze con la possibilità di navigazione in incognito e con la cancellazione di singoli cookie.

CHI È TENUTO A INFORMARE IL GARANTE CHE USA COOKIE DI PROFILAZIONE?

Il titolare del sito ha tale onere. Se nel suo sito utilizza solo cokie di profilazione di terze parti non occorre che informi il Garante ma è tenuto a indicare quali siano questi cookie di terze parti e a indicare i link alle informative in merito.

QUANDO ENTRERÀ IN VIGORE QUESTA NORMATIVA?

Il Garante ha dato un anno di tempo per mettersi in regola e la scadenza è il 2 Giugno 2015.


COOKIE UTILIZZATI IN QUESTO SITO

File di log: Come molti altri siti web anche questo fa uso di file di log registra cioè la cronologia delle operazioni man mano che vengono eseguite. Le informazioni contenute all'interno dei file di registro includono indirizzi IP, tipo di browser, Internet Service Provider (ISP), data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per analizzare le tendenze, amministrare il sito, monitorare il movimento dell'utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni. Tale dati non sono riconducibili in alcun modo all'identità dell'utente.

Cookie: www.tenshin.it usa i cookie per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall'utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in base al tipo di browser utilizzato e in funzione delle altre informazioni che appunto tale browser invia.

Cookie di Facebook: Questo sito utilizza dei plugin di Facebook che possono tracciare il comportamento dei lettori. Per avere maggiori informazioni in mertito si può consultare la pagina per la Politica della Privacy di Facebook.

Il sito www.tenshin.it e il suo amministratore non hanno alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti così come le opzioni per disattivare la raccolta di queste informazioni. L'amministratore di questo sito non può quindi controllare le attività degli inserzionisti di questo blog. È comunque possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser. Il sito www.tenshin.it non utilizza cookie di profilazione propri ma quelli presenti sono esclusivamente controllati da terze parti quali Google, Facebook o Twitter

UTILIZZO DI GOOGLE ANALYTICS IN QUESTO SITO 

Come detto i cookie analytics sono considerati tecnici se utilizzati solo a fini di ottimizzazione e se gli IP degli utenti sono mantenuti anonimi.  Informiamo l'utente che questo sito utilizza il servizio gratuito di Google Analytics.  Ricordiamo che i dati vengono usati solo per avere i dati delle pagine più visitate, del numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Questi parametri vengono archiviati nei server di Google che ne disciplina la Privacy secondo queste linee guida.

Un utente può disattivare Google Analytics durante la navigazione utilizzando il componenete aggiuntivo disponibile per Chrome, Firefox, Internet Explorer, Opera e Safari.


Si possono altresì

  • cancellare i cookie singolarmente per ciascun dominio, 
  • nascondere le ricerche.
  • settare le impostazioni degli annunci di Google.

NAVIGAZIONE ANONIMA


Una navigazione senza l'utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

  1. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Firefoxin inglese.
  2. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Chrome, in inglese
  3. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Internet Explorer, in inglese
  4. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cookie su Safari in inglese
  5. Ulteriori informazioni sulla disabilitazione dei cokie su Operain inglese.

La Storia del Karate Do

 

Alla domanda cos'è il Karate il Maestro Kenei Mabuni, in una sua intervista, rispondeva: "Sommariamente, il karate - do deriva dall'arte del combattimento a mani nude trasmessa segretamente da gran tempo nell'isola di Okinawa. Si tratta di una sottile arte dell'autodifesa che permette di vincere il nemico per mezzo delle più varie tecniche utilizzando le diverse parti del corpo in modo razionale ed efficace, ad esempio colpi di pugno e di mano diretti o circolari, calci e anche proiezioni e immobilizzazioni....

Ma il vero karate - do non è una semplice arte del combattimento. Il suo primo obiettivo è forgiare il corpo e lo spirito. In effetti quest'arte è stata praticata e approfondita con lo scopo di giungere alla dignità di un saggio. Gli adepti di karate - do devono riflettere sul senso di queste due massime: "L'arte del pugno è quella di un saggio" (kunshi-no-ken) e "Il karate non comincia con un attacco" (karate-ni-sente-nashi). Essi non devono mai dimenticarle"

Il karate è un'arte marziale a mani nude di origine Okinawense.Piantina Isola di Okinawa

Si tratta di un'arte da combattimento, per cui l'elaborazione delle tecniche ha avuto come obiettivo principale lo studio delle tecniche di attacco a difesa più efficaci. Le tecniche maggiormente utilizzate si avvalgono dell'uso di mani e piedi. A questi si aggiungono, più di rado ma non con meno efficacia, l'uso dei gomiti, delle ginocchia e a volte anche della testa. Inoltre si possono utilizzare tecniche per proiettare lontano l'avversario, o per immobilizzarlo.

Oggi il karate, che in massima parte ha perso quasi del tutto il suo suffisso do, è conosciuto quasi esclusivamente come uno sport agonistico. Molto si è perso delle parole del Maestro Mabuni. Secondo quelle parole il karate si accosterebbe più alla filosofia che allo sport agonistico, benché le due cose in realtà si interpenetrino.

In realtà la storia del karate do si perde nella notte dei tempi.

Immagine del Monaco Zen BodhidharmaLa tradizione fa nascere le Arti Marziali orientali dalla venuta in Cina di Bodhidharma - in indiano -, Ta Mo - in cinese -, Daruma Daishi - in giapponese. Questi si reca dall'India alla Cina per portare nelle terre orientali il vero Dharma, la vera dottrina del Buddha, recandosi presso il famoso Tempio di Shaolin, cosa che lo fa anche riconoscere come il primo Patriarca dello Zen Giapponese (o C'Han cinese). Nel Tempio resta immerso in meditazione (zazen) per nove anni davanti ad un muro, raggiungendo così la piena illuminazione. Ma quello che interessa per quanto riguarda le Arti Marziali è che portò con se un metodo di combattimento che divenne col tempo il Kung Fu del Tempio di Shaolin.

Arrivando ad un epoca più moderna, nel 1477 il Re Shoshin di Okinawa proibì l'uso di tutte le armi, per cui per difendersi gli okinawensi dovettero migliorare le forme di lotta già presenti nell'isola e note con il nome di Okinawa Te. Queste tecniche vennero perfezionate con l'integrazione delle tecniche del Kung Fu cinese, portato ad Okinawa da alcune famiglie cinesi che si erano nel frattempo stabilite nell'Isola per relazioni commerciali, cambiando il nome dell'Arte del combattimento in To De, mano cinese.

Quando l'Isola venne invasa dai giapponesi, questi, per mantenere un maggior controllo sulla popolazione, mantennero la proibizione dell'uso delle armi, proibendo anche lo studio del To De ritenuto, non senza giusta ragione, pericoloso per le truppe di invasione. Le uniche famiglie che potevano continuare a praticare apertamente l'Arte erano quelle dei Samurai e delle persone introdotte a corte, mentre il resto della popolazione era costretto a studiare in segreto o addirittura di notte. La situazione rimase immutata fino a quando il Maestro Anko Itosu, dopo la definitiva annessione dell'Isola di Okinawa al Giappone di cui divenne Prefettura, riuscì a far inserire il To De nei programmi di educazione fisica delle scuole di Okinawa, come esercizi ginnigi per migliorare la prestazioni fisiche e di salute degli studenti.

Da allora ci fu una sorta di epoca d'oro del To De, ed ebbe una grande diffusione nell'Isola, per poi approdare in Giappone nel 1922 con laFotografia del Maestro Gichin Funakoshi in età avanzata prima dimostrazione pubblica a Tokyo tenuta dal Maestro Gichin Funakoshi presso il Dojo Kodokan del Maestro Jigoro Kano.

Il Maestro Funakoshi iniziò a chiamare il To De con il nome di Kara Te, che può essere tradotto sia come mano cinese, ma anche come mano vuota. Da allora il Karate Do ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo.

Il Dojo

Lo spazio di pratica della Scuola di Arti Marziali Ryu Jo Kan nasce come Dojo, ovvero come luogo (JO) dove si segue una Via (DO). L'aspetto é curato in ogni aspetto per rispondere alle caratteristiche che un Dojo giapponese rispecchia.

Un luogo ove ci sia accrescimento non solo tecnico - sportivo, ma anche culturale e spirituale.

Ultime Notizie

27 Marzo 2017
25 Marzo 2017
12 Marzo 2017
©2017 A.P.D. Ryu Jo Kan. All Rights Reserved.

Search