Sensei Morio Higaonna pratica meditazione

Riguardo al percorso - di Morio Higaonna Sensei

                                                                                                           Riguardo al percorso - di Morio Higaonna Sensei

 

 

Dei nostri predecessori in Giappone e Okinawa fino all'era moderna, le arti marziali come il Judo deriva dallo Jujutsu, il Kendo dalla scherma giapponese in stile antico e il Karate Do del presente dal Karate Jutsu del passato. Queste  arti marziali sono state originariamente create per l’autodifesa, ma oggi possono essere praticate per completare il proprio carattere.

Il filosofo taoista cinese Laozi (Lao Tsu n.d.t.), credeva che l’idea di percorso rappresenti sia la mente sia l'illuminazione spirituale. Credo che per trovare questa realizzazione nella vita, bisogna praticare l'ascetismo e la ricerca con un vero cuore per vivere la vita più ideale come un essere umano.

 

Nel Simposio sul Karate tenutosi il 28 ottobre 1936, promosso dalla Ryukyu Shinpo Company, Miyagi Chojun Sensei chiamato in causa (cito testualmente) dicendo: "Penso che la frase Karate Do (Via) debba essere usata piuttosto che solo la parola Karate". Funakoshi Gichin Sensei e altri istruttori superiori hanno accettato questa affermazione e insieme hanno accettato di applicare la parola Do quando si fa riferimento a Karate, per creare il titolo di Karate Do. Tenendo questo in mente, voglio riflettere su perché Miyagi Chojun Sensei ha scelto il nome Karate Do e ciò ha portato al cambiamento non solo nel nome, ma tutto ciò che riguardi le arti marziali in generale ad Okinawa.

 

Nel 1933 Miyagi Chojun Sensei ha scritto una sintesi sul Karate Do per una conferenza che ha presentato. In questo sommario di Karate Do ci sono molte citazioni (tradotte grossolanamente) che si riferiscono allo Zen in relazione alle arti marziali e alla vita. Spiega che "il Karate Do è un abisso ed è comprensibile solo attraverso una profondità di pensiero e una sua comprensione come arte marziale in generale". Ho raggiunto questa idea di come l'unione di Zen e Arti Marziali ordinate dalla mente e dal corpo, mi aiuteranno a concentrarmi sul perseguimento delle vere arti marziali nella mia vita.

 

Si crede che Miyagi Chojun Sensei durante la sua vita abbia messo molto a fuoco le pratiche ascetiche della meditazione Zen nel suo perseguimento di sé e per aiutarsi nella sua formazione caratteriale. Attraverso la sua severa formazione nelle arti marziali accoppiata con le pratiche ascetiche dello Zen, ritengo che Miyagi Sensei sia riuscito a cercare la propria realizzazione e il suo vero cammino nella vita. Era un vero artista marziale che si concentrò solo su questo modo di vivere, visse in questo modo e non si lasciò andare per tutta la durata della sua vita. La diffusione del Goju Ryu in tutto il mondo è solo un testamento all'arte e al modo di vivere che Miyagi Chojun Sensei è riuscito a passare a tutte le generazioni future.

 

Per quanto riguarda il suo Kata, la bravura di Miyagi Chojun Sensei era difficile da descrivere a parole, come spiegato dai suoi studenti, e la sua applicazione delle tecniche dure (Go) erano come una spinta di incredibile potenza in un istante, mentre le sue tecniche morbide (Ju) potevano passare dai movimenti veloci come fruste a movimenti appiccicosi (muchimi) con grande tempistica e questa applicazione di muchimi gli permetteva di adattarsi al suo compagno di allenamento con grande forza. Si è detto che guardare queste prestazioni è stato come guardare una bella opera d'arte in movimento. Attraverso la sua formazione estrema e difficile nella vita, Miyagi Chojun Sensei è riuscito a raggiungere la Verità (vero percorso) delle arti marziali e ha lasciato in cambio l'arte per il mondo, per praticare con i suoi insegnamenti.

 

A volte, quando Chojun Sensei parlando con degli allievi avrebbe detto loro che "bisogna lucidare il loro carattere e diventare uno con la natura, capire il vero karate", e anche "le arti marziali sono uno con l'universo". Spesso andava a nord, a Kunigami per allenarsi, dove ci sono molte montagne e una quantità altrettanto abbondante di vegetazione e natura. Durante questi viaggi, Miyagi Sensei si immergeva nella natura delle montagne e del mare dalla costa vicina, e si crede che meditasse anche in mezzo alla natura che lo circondava.

Miyagi Chojun Sensei era un ricercatore della Verità alla ricerca del corretto percorso, e in chiusura credo che il percorso ideale nella vita per un artista marziale sia ricercato solo attraverso la dedizione e la formazione severa in tutti gli aspetti del Kata.

Il percorso al vero Karate Do è lontano.

Con la fede nei nostri insegnanti e noi stessi, dobbiamo progredire passo dopo passo con la passione. In conclusione, questo può essere considerato come un consiglio.

Riguardo al percorso - di Moira Higaonna Sensei

 

 

Libera traduzione dall’originale presente sul sito ufficiale della IOGKF a cura della RyuJoKan